Pane Sospeso, polemica tra M5S Cascina e Giunta Comunale

Cascina
Mercoledì, 1 Agosto 2018

In questi giorni sono apparsi, su varie testate giornalistiche, articoli inerenti il progetto del "pane sospeso", come iniziativa intrapresa dalla Giunta Comunale di Cascina e dall'On. Ziello in particolare. Il M5S di Cascina scrive in un comunicato che la proposta fu fatta da loro e che adesso la Giunta ci vuole mettere il "cappello". Ecco il comunicato stampa integrale.

 

PANE SOSPESO?

Nel lontano novembre 2016, noi consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Cascina, abbiamo presentato in Consiglio Comunale una mozione per le persone in difficoltà che non possono permettersi neanche l'alimento base, ovvero il pane. La proposta, che si ispira al caffè sospeso di Napoli o la "empanada caliente" in Argentina, ha l'obiettivo di permettere agli esercenti di mettere in atto il cosiddetto "pane sospeso", una misura di solidarietà e dignitosa.

In pratica, un cittadino di buon cuore lascia al commerciante qualche soldo in più rispetto alla propria spesa (es. il resto) e il commerciante fattura anche la differenza. La persona in difficoltà, senza bisogno di carte o di riconoscimenti, chiede al commerciante se c'è del "pane in sospeso" e il commerciante provvede a darglielo evitando sprechi o raggiri.

Ovviamente il tutto senza alcun aggravio per le casse comunali.

 

La maggioranza, a seguito della proposta del M5S, presentò una vergognosa mozione alternativa, così vergognosa che, dopo la seconda conferenza capigruppo, la stessa maggioranza decise che era meglio soprassedere alla proposta alternativa. 

La mozione venne da noi anche emendata per riuscire a renderla migliore e condivisa.

Abbiamo provato, poi, più volte a capire, con le nostre interrogazioni del gennaio 2017 e del giugno 2018, le motivazioni per le quali non si fosse ancora proceduto con l'iniziativa del "pane sospeso".

Ed è così che dopo oltre 1 anno e mezzo dalla proposta vediamo che la Giunta ha messo il proprio cappello sulla nostra mozione senza far passare la proposta stessa dalla relativa Commissione, nonostante l'impegno che aveva preso a novembre 2016

A questo punto le domande sono due: 1. Perché, se bastava una semplice delibera di Giunta, non hanno deliberato prima?

2. Perché non menzionare che l'iniziativa deriva da una proposta del Movimento 5 stelle di Cascina?

Invitiamo tutti i cittadini a leggere la nostra mozione (allegata), a leggere le nostre 2 interrogazioni presentate (allegate), a visionare i video sulla pagina FB del Comune di Cascina della discussione sulla mozione (11/11/2016) e delle risposte alle interrogazioni in Consiglio Comunale per capire realmente com'è andata.

Claudio Loconsole

David Barontini

Consiglieri comunali portavoce del Movimento 5 Stelle del Comune di Cascina

luca.doni