"Non c'è nessuno" in scena al teatro di Santa Maria a Monte, in prima nazionale il 21,22 e 23 febbraio

Cultura e Tempo Libero
Santa Maria a Monte
Giovedì, 20 Febbraio 2020

In Prima Nazionale al teatro di Santa Maria a Monte va in scena "Non c'è nessuno" di Teatro Bo', il 21, 22 e 23 febbraio. Atto unico in occasione dei sessanta anni dalla Legge Merlin.

Con Lavinia Ciabattini
Testo e Regia di Franco Di Corcia Jr
Assistenza alla regia di Mattia Pagni
Produzione Teatro di Bo’

Note di regia:
È il 21 Febbraio del 1958. Il giorno dopo la promulgazione della Legge Merlin. Ormai è cosa fatta: le “case” sono realmente chiuse. In una di “quella case” una “signorina” si prepara come se nulla fosse accaduto. La troviamo nella “saletta” in attesa che qualcuno entri. Il tempo è scandito dal suono del campanello che mette in agitazione la “signorina”... che nell’attesa si racconta (dando voce alle altre “signorine” della casa) e per la prima volta si ascolta, si ri-conosce, abbandonando piano piano la maschera della “prostituta” e indossando per la prima volta quella della “donna”.

Sullo spettacolo:
Diversi decenni dopo la chiusura delle case di tolleranza e il riconoscimento dello sfruttamento
e induzione alla prostituzione come reati penali, il Belpaese non ha ancora risolto il problema. Il dibattito sulla riapertura dei bordelli è ancora attuale. La prima donna a sedere nel senato della Repubblica italiana, la madre costituente grazie alla quale nell’articolo 3 della Costituzione i cittadini sotto tutti uguali ‘senza distinzioni di sesso’. Eppure Angelina 'Lina Merlin, spesso assente nei libri di storia, viene ricordata quasi esclusivamente per la legge che di fatto portò alla chiusura delle 'case di tolleranza' nell'Italia del dopoguerra. Dieci anni. E quasi per una sorta di ironia, la norma che porta il nome dell’insegnante partigiana è conosciuta in larga parte per ciò che tolse agli uomini e non per quei benefici che portò alle donne. Oltre a chiudere le case di tolleranza, la legge 75 del 20 febbraio 1958 ha introdotto per la prima volta il reato di sfruttamento, induzione e favoreggiamento alla prostituzione. Fu una vera e propria rivoluzione per l'epoca e furono in molti ad opporsi tanto che, presentata nel 1948, ci vollero ben 10 anni per essere approvata. Per non parlare delle lotte sostenute da Merlin contro alcuni suoi colleghi di partito, come Pietro Nenni che avevano interessi economici non indifferenti proprio nelle case chiuse.

Vietato ai minori di 14 anni.

redazione.cascinanotizie